PRENDE IL VIA LA “FEDERAZIONE DEI POPOLARI”

Torna il partito del Cattolicesimo politico

Sturzo_Moro_DEGasperi     Popolari per l’Europa, Popolari per l’Italia, Associazione Liberi e Forti, Rinascita Popolare, Alternativa riformista, l’Italia del Popolo, Innovatori Democratici, Rete Italia Veneto, Circoli Insieme, Centro Popolare, Associazione per l’Italia Popolare, Comitato Lista civica per l’Umbria Popolare, Associazione PA.C.E, Fedelif e soci fondatori dei Cristiani Riformisti e dell’Associazione Democrazia Cristiana hanno deciso la costituzione di un Comitato promotore paritario che ha dato immediato avvio alla fase organizzativa e operativa per realizzare un nuovo soggetto politico laico, democratico, popolare, liberale, riformista, europeista, trans nazionale, ispirato ai valori dell’umanesimo integrale, inserito  a pieno titolo nel PPE.

La Federazione è inclusiva nel senso che è aperta alla partecipazione di quanti credono nell’iniziativa e intendano contribuire alla realizzazione di un progetto fondato sui valori laici del Cattolicesimo politico.

L’eliminazione dei partiti e la mancanza di identità degli operatori politici stanno alterando le fondamenta della democrazia e indeboliscono l’unità politica del Paese. E’ necessario, perciò, essere ancorati ai valori, ai legittimi interessi e ai bisogni sin qui disattesi e guardare al futuro in termini di nuova civiltà e di progresso anche spirituale come prescrive l’art. 4 della Costituzione.

I componenti del Comitato sentono la responsabilità di superare la fase delle dichiarazioni verbali per affidare il testimone a una nuova generazione di politici motivati da autentica passione civile per un progetto politico ispirato alla Dottrina sociale cristiana e sulla base di un rigoroso codice etico. Senza preclusioni e discriminazioni pregiudiziali.

Il Comitato preso atto della propria presenza  nel territorio ha deciso di promuovere una piattaforma organizzativa e programmatica a livello locale anche per affrontare le elezioni regionali e amministrative del prossimo anno.

Entro il 31 dicembre saranno organizzati incontri regionali e un’assemblea nazionale.

“E’ una Federazione – ha dichiarato Publio Fiori – che garantisce la pari dignità di tutti i partecipanti, senza tentazioni egemoniche e senza leadership precostituite e che punta a ricondurre ad unità l’arcipelago del cattolicesimo politico. Con una nuova classe dirigente e con i ‘vecchi’ che si mettono da parte per consentire la realizzazione di autentico rinnovamento.”

“A questo punto – ha concluso Fiori – è necessario, però, che da parte di tutti ci sia disponibilità, generosità e umiltà, senza le preclusioni pregiudiziali, l’arroganza intellettuale e la presunzione di coloro che pensano di rappresentare in esclusiva il mondo del Cattolicesimo politico”.

banner_iscriviti_gruppo_facebook lascia un commento